Statuti

S T A T U T O SFG PONTE TRESA

ratificato nel 2012 

 

l. GENERALITA'

 

Abbreviazioni utilizzate nei testi:

 

Società Federale Ginnastica Ponte Tresa                         SFGPT                  www.tresa.ch

Associazione Cantonale Ticinese di Ginnastica                 ACTG                    www.actg.ch

Federazione Svizzera di Ginnastica                                  FSG                      www.stv-fsg.ch

Comitato Direttivo Commissione Tecnica                           CD, CT

Codice Civile Svizzero                                                      CCS

 

 Art. 1 Nome e Responsabilità

 

La Società Federale Ginnastica Ponte Tresa, fondata nel 1954 è una società ai sensi dell'art. 60 ss. del CCS.

 

Per gli obblighi finanziari assunti dalla società risponde unicamente il patrimonio sociale.

Ogni responsabilità finanziaria dei membri è esclusa.

 

Art. 2 Affiliazione

 

La SFG PONTE TRESA (SFGPT) è affiliata all’Associazione Cantonale Ticinese di Ginnastica (ACTG) e rispettivamente alla Federazione Svizzera di Ginnastica (FSG) e ne riconosce gli statuti ed i regolamenti.

 

Art. 3 Organo Ufficiale

 

Il sito internet www.tresa.ch è l'organo ufficiale della Società.  I contenuti e la forma sono condivisi dal Comitato Direttivo.

 

II. SCOPO

 

Art. 4 Scopo

 

La SFG PONTE TRESA ha gli stessi ideali delle Associazioni e Società menzionate all'art. 2 ai quali aderisce.

Essa pratica e diffonde la ginnastica in tutte le sue forme.

In particolare si sforza di migliorare l'educazione fisica e morale della gioventù e di migliorare tra i suoi membri sentimenti di amicizia.

 

Art. 5 Neutralità

 

La SFG PONTE TRESA è apartitica ed aconfessionale.


 

III. COMPOSIZIONE

 

Art. 6 Composizione 

 

La SFG PONTE TRESA si compone di soci attivi, soci passivi e soci onorari. Sono considerati soci attivi i soci contribuenti in attività che hanno compiuto i 16 anni.

Sono considerati soci passivi i soci contribuenti non in attività o che, pur non avendo mai praticato l'attività ginnica, si dimostrano amici della SFG PONTE TRESA ed intendono sostenerla moralmente e materialmente.

I soci attivi e passivi, in regola col pagamento della tassa annua, possono prendere parte alle assemblee ordinarie e straordinarie con voto deliberativo, riservato l'art. 7.

L'Assemblea della SFG PONTE TRESA può, su proposta del Comitato Direttivo, con la maggioranza di 2/3 dei soci presenti, conferire il titolo di socio onorario a soci attivi o passivi particolarmente meritevoli. 

I soci onorari sono esonerati dal pagamento della tassa pur mantenendo gli stessi diritti dei soci contribuenti. 

 

Art. 7 Suddivisione

 

Nell'ambito della SFG si possono formare gruppi di ginnastica e di altre discipline contemplate dagli statuti cantonali e federali.

I soci attivi sono tenuti a partecipare alle manifestazioni indette dalla SFG PONTE TRESA, dall'ACTG e dalla FSG.

Si considerano ginnasti/e attivi/e chi ha compiuto il sedicesimo anno di età.

I/le ginnasti/e fino ai quindici anni possono partecipare alle assemblee ordinarie e straordinarie senza diritto di voto.

 

Art. 8 Tasse

 

Ai partecipanti dei vari gruppi della Società viene prelevata una tassa stabilita dall'Assemblea.

 

Art. 9 Dimissioni e Radiazioni

 

Le dimissioni dalla Società devono essere inoltrate per iscritto al Comitato Direttivo. Quando un socio è in mora con il pagamento della tassa sociale da un anno o più e quando un socio non frequenta più le lezioni ginniche e le manifestazioni sociali, è radiato dalla società.

 


 

IV. MISURE DISCIPLINARI

 

Art. 10 Definizione

 

Un membro della Società può essere oggetto di misure disciplinari qualora contravvenga agli Statuti ed ai Regolamenti, si comporta disonorevolmente nella Società o fuori, si oppone alle decisioni o alle disposizioni del Comitato Direttivo o non paga le tasse sociali dopo infruttuosa diffida.

 

Art. 11 Genere

 

Possono essere comminate le seguenti misure disciplinari:

a. l’ammonimento scritto (lettera per posta semplice da CD della SFG)

b. l’esclusione dalla partecipazione ai concorsi

c. la sospensione di tutti i diritti nell’ambito della Società

d. l’espulsione dalla Società.

 

Art. 12 Competenze

 

Sono di competenza del Comitato Direttivo le misure disciplinari previste dall'art. 11 lett. a. e b.

Sono di competenza dell'Assemblea generale con la maggioranza di 2/3 dei soci presenti le altre misure disciplinari su proposta del Comitato Direttivo (CD).

E' facoltà del Comitato Direttivo di sospendere in via provvisoria un socio nell'attesa della decisione dell'Assemblea generale, una volta esperita l’inchiesta.

 

Art. 13 Durata

 

Tutte le misure disciplinari, tranne l’ammonimento scritto e l'espulsione, hanno una durata che viene stabilita dall’Assemblea.

L'Assemblea generale può deferire al Comitato Direttivo la competenza di annullare il provvedimento qualora non sussistano più le cause che lo hanno determinato.

 

Art. 14 Riammissione

 

Un membro espulso dalla Società può essere riammesso dall'assemblea generale su proposta del Comitato Direttivo, con la maggioranza di 2/3 dei soci presenti.

 

Art. 15 Ricorso

 

Contro le misure disciplinari comminate dal Comitato Direttivo gli interessati hanno diritto di ricorso all'Assemblea generale.

Il ricorso va presentato all'Assemblea generale tramite il Comitato Direttivo entro il termine di 30 (trenta) giorni dall'adozione del provvedimento.

Il ricorso ha effetto sospensivo, ad eccezione delle misure di cui alle lettere b. e c. dell'art. 11.


 

V. ORGANIZZAZIONE

 

Art. 16 Organi

 

Gli organi della Società sono:

1.            L'Assemblea generale dei soci

2.            Il Comitato Direttivo

3.            La Commissione Tecnica

4.            l Revisori dei conti.

 

Art. 17 L'Assemblea generale dei soci

 

17.1

L'Assemblea generale dei soci è l’organo superiore della Società. Essa si compone:

 - dei soci attivi

- dei soci passivi

- dei soci onorari

- dei membri del Comitato Direttivo

- dei membri della Commissione Tecnica

- dei membri dell'Ufficio di controllo.

17.2

Tutti i componenti dell'Assemblea generale dei soci hanno diritto di voto.

17.3

Essa viene convocata in via ordinaria dal Comitato Direttivo ed è competente di decidere quanto non è dal presente Statuto espressamente deferito al Comitato Direttivo.

Può essere convocata in via straordinaria per decisione del Comitato Direttivo o su richiesta scritta inoltrata al Comitato da almeno 1/5 dei soci.

L'Assemblea generale ordinaria ha luogo ogni anno.

17.4

I principali oggetti di sua competenza sono:

a. la nomina del presidente del giorno e degli scrutatori

b. l'esame, l'approvazione e la modifica dello Statuto sociale

c. l'approvazione del verbale dell'ultima Assemblea

d. l'approvazione dei rapporti di gestione, tecnico e finanziario

e. l'approvazione dei conti preventivi e dei conti consuntivi

f. la determinazione delle tasse sociali

g. l'autorizzazione per ogni spesa straordinaria superiore a CHF. 20'000.--

h. la nomina, su proposta del Comitato Direttivo di soci onorari

i. le decisioni relative:

- alle sanzioni di cui all'art. 11 c. e d.

- alle proposte di cui all'art. 18

- allo scioglimento della Società

l.  le nomine

- del Presidente

- del Comitato Direttivo

- di due Revisori

m. l'approvazione dei regolamenti e loro variazioni

n. l’approvazione del programma di attività annuale

o. l’istituzione, l’impiego e la eliminazione di fondi speciali

p. decidere in merito a proposte e mozioni presentate dai membri.

17.5

L’Assemblea generale dei soci può deliberare qualunque sia il numero dei soci presenti.

Le decisioni e le nomine sono prese in votazione aperta, salvo richiesta di voto segreto domandata da almeno 1/3 dei soci presenti.

Per decisioni di ordinaria importanza decide la maggioranza relativa dei voti espressi.

Fanno eccezione:

- le misure disciplinari (maggioranza qualificata di 2/3 dei presenti)

- la riammissione dei membri (maggioranza qualificata di 2/3 dei presenti)

- la nomina dei soci onorari o la revoca (maggioranza qualificata di 2/3 dei presenti)

- la decisione per l'iscrizione all'ordine di proposte tardive od urgenti (maggioranza qualificata di 2/3 dei presenti)

- la decisione per la modifica degli Statuti sociali (maggioranza qualificata di 2/3 dei presenti)

- la decisione di scioglimento della Società (maggioranza qualificata di 4/5 dei presenti).

 

Nel caso in cui vi siano più candidati per una sola nomina, le nomine vengono decise:

- in sede di prima votazione sulla base della maggioranza assoluta dei soci presenti

- nella seconda votazione farà stato la maggioranza relativa.

17.6

Le trattande per l'Assemblea generale devono essere allestite dal Comitato Direttivo, il quale presenta le sue proposte.

La convocazione avviene mediante pubblicazione di un avviso ai soci almeno 20 giorni prima della data prestabilita.

 

Art. 18 Proposte

 

Proposte da parte dei soci devono essere sottoposte per iscritto al Comitato Direttivo almeno 15 giorni prima dell'Assemblea generale.

Proposte che non sono all'ordine del giorno saranno trattate solo se la maggioranza di 2/3 dei soci presenti lo decide.

 

Art. 19 Diritto di voto e di elezione

 

Tutti i componenti dell’Assemblea Generale possono essere eletti alle cariche sociali.


 

Art. 20 Comitato Direttivo

 

Il Comitato Direttivo rappresenta la Società di fronte ai terzi. I suoi membri stanno in carica due anni e sono sempre rieleggibili.

Esso si compone di almeno 7 membri dei quali:

- un Presidente

- un Vice Presidente

- un Segretario

- un Cassiere

- un Presidente della Commissione Tecnica

- altri due membri al minimo.

Il Comitato Direttivo amministra e dirige la Società. È autorizzato a disporre liberamente dei fondi sociali come da preventivi e per spese straordinarie fino alla concorrenza massima di Fr. 20'000.--.

Si riunisce su invito del Presidente tutte le volte che la situazione lo richieda, oppure su domanda della maggioranza dei suoi membri.

E' abilitato a decidere solo se presenti almeno 2/3 dei suoi membri. E’ compito suo la nomina dei Delegati Cantonali.

 

Art. 21 Funzioni

 

Il Presidente dirige le riunioni e le Assemblee, sorveglia che vengano eseguite le decisioni sociali e presenta all’Assemblea una relazione scritta.

La sua firma, in unione a quella del Segretario o del Cassiere, impegna legalmente la Società.

Il Vice Presidente collabora strettamente con il Presidente nelle sue mansioni e ne assume le funzioni in caso di suo impedimento.

Il Segretario redige verbale, tiene l’elenco dei soci, sbriga la corrispondenza e ordina l’archivio.

Il Cassiere tiene la cassa e la contabilità sociale, dispone e sorveglia l’esazione delle tasse sociali, amministra il patrimonio sociale in fondi liquidi ed è responsabile dell’assicurazione dei ginnasti. A chiusura dell’esercizio il cassiere dovrà presentare il bilancio sociale.

Nessun conto deve essere pagato senza il visto del Presidente o del Vice-Presidente.

Il Presidente della Commissione Tecnica ha funzione di collegamento tra questa Commissione ed il Comitato.

La fissazione dei compiti per i membri restanti è competenza del Comitato.

In casi urgenti può prendere decisioni di normale competenza dell'Assemblea generale dei soci, riservata la ratifica.

La fissazione dei compiti per i membri restanti è competenza del Comitato.


 

Art. 22 Commissione Tecnica

 

Il Presidente della Commissione Tecnica è eletto dal CD.

Essa si compone, oltre che dal suo Presidente, da monitori o responsabili dei vari gruppi. Si riunisce su convocazione del suo Presidente, su domanda di suoi membri o del Presidente del Comitato Direttivo.

Le decisioni sono prese a maggioranza dei presenti.

La Commissione Tecnica è responsabile di tutti i problemi tecnici che concernono l’attività della Società.

In particolare deve provvedere a:

- preparare, dirigere, sorvegliare la partecipazione a tutti i corsi sociali, cantonali e federali per le monitrici ed i monitori e compilarne le indennità

- esaminare ed approvare le disposizioni tecniche proposte dalle monitrici e dai monitori

- elaborare il piano tecnico generale e particolare di ogni manifestazione prevista dal programma di attività sorvegliandone la completa applicazione

- sorvegliare, dal punto di vista tecnico, l’attività dei gruppi

- esaminare le qualifiche dei giurati da proporre all’ACTG per i concorsi individuali e di sezione

- promuovere le manifestazioni facoltative

- tenere aggiornati gli stati di servizio delle monitrici e dei monitori

- tenere il controllo delle assiduità alle lezioni e proporre eventualmente riconoscimenti.

 

Art. 23 Revisori

 

I Revisori designati esaminano i conti annuali e l’inventario e presentano un loro rapporto all’Assemblea generale.

Essi vengono eletti dall’Assemblea per un periodo di due anni e sono rieleggibili.

Almeno 15 giorni prima dell'Assemblea generale ordinaria i revisori sono convocati personalmente dal Cassiere.

 

VI. AMMINISTRAZIONE

 

Art. 24 Gestione

 

La Gestione sociale si apre al 1. settembre e chiude al 31 agosto di ogni anno civile. Le entrate della Società sono rappresentate da:

 

a. tasse sociali dei soci

b. sussidi, tasse straordinarie, ecc.

c. elargizioni diverse

d. ricavi da manifestazioni

e. diversi.

 

Per gli impegni finanziari della Società fa stato unicamente il patrimonio sociale. È esclusa ogni responsabilità finanziaria dei soci.

 


 

VII. ATTIVITA' SOCIALE

 Art. 25 Lezioni

 

L'ordine delle lezioni è di competenza della Commissione Tecnica.

L'assiduità dei ginnasti alle lezioni potrà essere premiata con un riconoscimento speciale.

 

Art. 26 Distinzioni

 

Ogni distinzione ottenuta dalle Sezioni resta di proprietà della Società che le conserva nell'archivio.

 

VIII. DISPOSIZIONI FINALI

 

Art. 27 Revisione Statuto

 

Ogni modifica dello Statuto Sociale deve essere approvata dall'Assemblea generale con la maggioranza di 2/3 dei soci presenti.

 

Art. 28 Scioglimento

 

Lo scioglimento della Società è deciso da un'Assemblea generale straordinaria. All'ordine del giorno deve figurare quest'unica trattanda. Lo scioglimento può essere proposto dal Consiglio Direttivo o da 1/5 dei soci iscritti. Esso deve essere approvato dai 4/5 dei membri presenti aventi diritto di voto.

 

Art. 29 Destinazione del patrimonio

 

In caso di scioglimento della Società, l'Assemblea generale stabilisce le clausole stipulanti la consegna dell’archivio, del patrimonio sociale e del materiale all'ACTG che li manterrà fino alla fondazione di una nuova Società di ginnastica a Ponte Tresa aventi gli stessi scopi della SFG PONTE TRESA.

Se entro 5 (cinque) anni non venisse ricostituita una Società avente gli stessi scopi, il patrimonio sociale decadrà a favore della causa ginnica, nell'ambito esclusivo dell'ACTG.

 

Art. 30 Statuti cantonali

 

Per tutto quanto non contemplato nel presente Statuto, fanno stato gli Statuti federali della FSG, gli Statuti cantonali dell’ACTG rispettivamente quanto stabilito in materia dal CCS.


 

Art. 31 Entrata in vigore

 

Il presente Statuto, approvato dall'Assemblea generale ordinaria dei soci svoltasi a Ponte Tresa

 il 28 aprile 2012

annulla ogni altra disposizione anteriore ed entra in vigore con l'approvazione da parte del Comitato direttivo dell'ACTG.

 

PER LA SOCIETA' FEDERALE GINNASTICA PONTE TRESA

La Presidente

 

 

Claudia Bielli

 

Approvato dal Comitato direttivo in data  2012.

PER L'ASSOCIAZIONE CANTONALE TICINESE DI GINNASTICA

Il Presidente

 

 

Matteo Quadranti

STATUTO SOCIALE DEL 26 APRILE 1979

 SOCIETÀ DI GINNASTICA PONTE TRESA

(SEZIONE sfg)

STATUTO SOCIALE

1 - GENERALITÀ

Nome

art. 1

La società Ginnastica di Ponte Tresa, sezione federale, fondata nel 1954 (SGPT), è una società ai sensi dell'art. 60 e seguenti del CCS.

Affiliazione

art. 2

La SGPT è affiliata all'Associazione Cantonale Ticinese di Ginnastica (ACTG) alla società Federale di Ginnastica (SFG) e all'Associazione Svizzera di Ginnastica Femminile (ASGF), delle quali riconosce gli statuti e regolamenti.

2 - SCOPO

art. 3

La SGPT ha gli stessi ideali dell'ACTG, della SFG e della ASGF. Si sforza di favorire lo sviluppo e la diffusione della ginnastica in tutte le sue forme. Si prefigge di sviluppare fra i suoi membri i sensi dell'amicizia e dell'amore patrio e di incoraggiarli nei loro sforzi per migliorare l'educazione fisica e morale della gioventù.

Neutralità

art. 4

La SGPT è apartitica e aconfessionale.

3 - COMPOSIZIONE

Composizione

art. 5

La SGPT si compone di soci attivi, soci sostenitori e soci onorari. Sono considerati soci attivi tutti i soci esercitanti un'attività in seno alla società. Sono sostenitori tutti coloro che si impegnano a versare regolarmente le tasse sociali e che contribuiscono allo sviluppo e al buon andamento della società. La SGPT può, su proposta del CD, conferire il titolo di socio onorario a quelle persone particolarmente meritevoli.

Suddivisione

art. 6

I soci attivi sono suddivisi;

a) sezione alunni e alunne

b) sezione attivi e attive

c) sezione uomini

d) sezione donne

e) sezioni speciali

I soci attivi sono tenuti a partecipare alle manifestazioni indette dalla SGPT, dall'ACTG, dalla SFG e dall'ASGF.

Alunni

art. 7

Possono essere ammessi in qualità di alunni i giovinetti tra gli 8 ed i 15 anni, previo consenso scritto dei genitori o tutori. Gli alunni vengono accettati dalla Direzione su proposta del monitore e sono obbligati a frequentare regolarmente le lezioni. Non hanno ingerenza alcuna negli affari della società.

Attivi e attive

art. 8

Si considerano attivi e attive i giovani e le giovani che hanno compiuto il quindicesimo anno di età.

Uomini

art. 9

Sono ammessi nella sezione uomini di regola i ginnasti che hanno superato i 32 anni e chi, di età inferiore, non ha mai praticato l'attività ginnica.

Donne

art. 10

Sono ammesse nella sezione donne di regola ginnaste che hanno superato i 28 anni e chi, di età inferiore, non ha mai praticato l'attività ginnica.

Sezioni speciali

art. 11

Si considerano speciali le sezioni di ginnastica artistica, atletica, pallavolo, ginnastica per tutti, marcia, ecc.

4 - ORGANIZZAZIONE

Organi

art. 12

Gli organi della SGPT sono:

a) l'Assemblea generale dei soci (AG)

b) il Comitato Direttivo (CD)

c) la Commissione Tecnica (CT)

d) i delegati cantonali

e) i revisori dei conti

f) le commissioni speciali

Assemblea Generale

Composizione

art. 13

L'AG si compone dei soci attivi, sostenitori e onorari di cui all'art. 5.

Competenze

art. 14

Sono di competenza dell'AG:

a) l'esame, l'approvazione e la modifica degli statuti e dei regolamenti

b) l'approvazione del verbale dell'ultima AG

c) l'approvazione dei rapporti di gestione, tecnico e finanziario

d) la determinazione delle quote annuali

e) l'approvazione dell'attività futura

f) l'approvazione dei conti preventivi

g) le decisioni circa l'impiego straordinario dei fondi

h) la nomina, su proposta del CD, dei soci onorari

i) l'ammissione dei nuovi soci

l) la radiazione dei soci di cui all'art. 35

m) le nomine:

   ma) del Presidente della Società

   mb) del Presidente della CT

   mc) dei membri del CD

   md) dei membri della CT

   me) dei delegati cantonali

   mf) dei revisori dei conti

n) lo scioglimento della società

Convocazione

art. 15

L'AG è convocata una volta all'anno, di regola entro la fine di marzo. Le assemblee generali straordinarie sono convocate:

1) quando il CD lo ritiene necessario

2) su domanda di almeno 1/5 dei soci

L'assemblea è valida qualunque sia il numero dei soci presenti. Le convocazioni devono essere diramate almeno 15 giorni prima.

Votazioni e nomine

art. 16

Le proposte e le nomine di regola sono decise a maggioranza assoluta per alzata di mano. Lo scrutinio avviene in forma segreta se richiesto da almeno 1/5 dei soci presenti.

art. 17

Il CD si compone di:

a) Presidente

b) vice-Presidente

c) segretario-cassiere

d) presidente della CT

e) presidente sezione uomini

f) presidente sezione donne

g) rappresentante del Municipio di Ponte Tresa

h) due membri

Competenze

art. 18

Il CD si occupa degli affari correnti, provvede all'esecuzione delle risoluzioni dell'AG, amministra i fondi e tutela gli interessi materiali e morali della società. Nomina, nel proprio seno, il vice-presidente, il segretario-cassiere nonchè i membri delle commissioni speciali. Può deliberare solo alla presenza della metà più uno dei membri che lo compongono.

Durata del mandato

art. 19

Il CD resta in carica un anno ed è rieleggibile. Si riunisce ogni qualvolta lo reputa necessario il presidente o su domanda di almeno 3 dei suoi membri. Alle sedute del CD possono essere invitati i monitori, le monitrici e i delegati cantonali.

Rappresentanza

art. 20

il CD rappresenta la società di fronte a terzi

Diritto di firma

art. 21

La SGPT è impegnata dalla firma collettiva del presidente e di un suo membro del CD.

Commissione Tecnica

Composizione

art. 22

La CT è composta dal presidente e dai membri nominati dall'AG e da tutti i monitori in carica.

Durata, compiti e competenze

art. 23

La CT resta in carica 1 anno. È incaricata dello studio e dell'esecuzione di tutte le questioni tecniche. Essa sostituisce in ciò il CD, al quale sottopone però per l'approvazione gli oggetti di portata generale. Propone al CD i monitori e le monitrici, sceglie l'alfiere. Allestisce l'inventario del materiale di proprietà della società.

Delegati cantonali

Numero, compito e competenze

art. 24

Il numero dei delegati è fissato dagli statuti cantonali. I delegati restano in carica 1 anno e sono rieleggibili. Essi rappresentano la SGPT nelle assemblee cantonali e nelle assemblee delle associazioni specializzate.

Revisori dei conti

Numero compiti e competenze

art. 25

Sono almeno 3, restano incarica 1 anno e sono rieleggibili. Sono incaricati di verificare e controllare la gestione dell'anno decorso, lo stato dell'archivio e del materiale inventariato.

Commissioni speciali

Compiti e competenze

art. 26

Per lo studio di particolari progetti e di determinati problemi, il CD è autorizzato a nominare commissioni speciali, nelle quali dev'essere rappresentato da almeno uno dei suoi membri. Tutte le spese inerenti all'attività delle commissioni sono sottoposte al Comitato della SGPT che ne è responsabile.

5 - PATRIMONIO SOCIALE

TASSE, DISTINZIONI

art. 27

Il patrimonio sociale è costituito dagli stabili, dai mobili, dagli attrezzi e dai capitali appartenenti alla SGPT.

Entrate

art. 28

Le entrate sono costituite dalle quote annue, dalle elargizioni, dal ricavo delle feste, dal riparto Sport-Toto, dal contributo comunale e dalla rendita dei capitali e da eventuali altre fonti.

Tasse

art. 29

Tutti i soci sono tenuti al pagamento di una quota annua fissata di anno in anno dall'AG.

Distinzioni

art. 30

Ogni distinzione ottenuta dalle sezioni resta di proprietà della società, che la conserva nell'archivio.

6 - DIRITTI E DOVERI DEI SOCI

Ammissione

art. 31

L'ammissione alla società comporta implicitamente l'accettazione integrale della Statuto, dei regolamenti e delle decisioni emanante dagli organi della SGPT.

Diritti e doveri

art. 32

I diritti e i doveri di un socio iniziano il giorno seguente all'ammissione nella società.

Dimissioni

art. 33

Il socio che vuole dimettersi dalla società deve darne avviso scritto al CD che, su richiesta, può rilasciare un attestato di uscita.

Riammissione

art. 34

Il socio dimissionario che volesse essere riammesso deve riformulare la domanda di cui all'art. 31.

Misure disciplinari

art. 35

Un socio può essere radiato dai ruoli della SGPT quando:

a) si rende moralmente immeritevole di appartenervi

b) non adempie alle condizioni di cui all'art. 29

Nel caso di cui al punto a) l'espulsione sarà comunicata ai comitati cantonali e federali. L'espulso può ricorrere al Comitato cantonale dell'ACTG.

7 - SCIOGLIMENTO DELLA SOCIETÀ

Scioglimento

art. 36

Lo scioglimento della società non potrà essere deciso che in assemblea straordinaria appositamente convocata e col voto dei due terzi dei presenti.

Destinazione del patrimonio

art. 37

In caso di scioglimento il patrimonio sociale verrà affidato al Municipio di Ponte Tresa in deposito per 10 anni. Se entro tale termine non sorgesse un'altra società di ginnastica affiliata alla SFG, il patrimonio sarà devoluto all'ACTG come previsto dall'art. 13 dello statuto dell'ACTG.

8 - DISPOSIZIONI TRANSITORIE

Statuti cantonali e federali

art. 38

Per quanto non contemplato nel presente statuto fanno stato gli statuti e regolamenti dell'ACTG, SFG, ASGF.

Entrata in vigore

art. 39

Il presente statuto, votato dall'AG il 26 aprile 1979 e approvato dal CC dell'ACTG il 20 giugno 1979 entra immediatamente in vigore, abroga lo statuto del 1954 e ogni altra disposizione.

Per il comitato SGPT

                                      Il Presidente                                       Il segretario

                                          (Baroni)                                            (Paltenghi)